Li usiamo ovunque. Appena svegli, mentre ci incamminiamo per andare da qualche parte, sull’autobus, durante le attese, in bagno, mentre mangiamo. Sono sempre con noi e ci rimangono fedeli fino a quando non vengono sostituiti. Sto parlando degli Smartphone. Ad oggi praticamente tutti ne hanno uno, uno strumento nato con intenzioni produttive che piano piano è diventata la principale fonte di distrazione.

Piccoli o grandi, costosi o economici, lenti o veloci. Ce n’è per tutti.

In questo articolo cercherò di trattare di questo tema, che affrontiamo tutti i giorni, ma spesso non ce ne accorgiamo: gli Smartphone hanno cambiato le nostre vite in meglio?

Non posso rispondere con un secco si o no. Se per qualcuno è diventata quasi una dipendenza, altri possono benissimo vivere senza. Per questo ho deciso di raggruppare in categorie questo articolo, a voi le conclusioni.

Hanno cambiato le compagnie telefoniche

Ricordate gli SMS? Ne venivano inviati miliardi ogni giorno e le compagnie telefoniche ci guadagnavano con tariffe destinate a questi dati da 160 caratteri, guadagnandoci parecchio. Ma un bel giorno le cose sono cambiate. È arrivato WhatsApp e compagnia bella, che di recente ha fatto sapere su Twitter che ogni giorno vengono inviati circa 64 miliardi di messaggi. Ovviamente le compagnie telefoniche hanno iniziato a perderci, quindi dalla sponsorizzazione assoluta delle tariffe per SMS si è passati a pubblicizzare quelle per Internet su telefono.

Sia chiaro: avere Internet su telefono non è una cosa nuova, ma solo in questo periodo viene usata moltissimo.

Per l’utenza questo significa più messaggi e meno soldi da spendere, considerato che praticamente tutti hanno almeno un servizio di messaggistica istantanea. Non si risparmiano nemmeno le telefonate, nonostante non siano ancora pienamente sfruttate. La diffusione di Internet sugli Smartphone ha portato Skype ed altri servizi di VoIP, che permettono le chiamate gratis a tutti quelli che hanno quel servizio.

Hanno modificato il mercato

Il PC era il re incontrastato. L’utenza voleva usarlo, poteva fare quello che voleva. Andare appunto su Internet, lavorare, modificare i documenti e quant’altro. Gli Smartphone hanno però creato una sorta di crisi del mercato dei Computer, perché all’utente basta un telefono per fare tutto. Certo, lavorare a qualche documento con un telefono è dura, e su questo settore il PC detiene la corona.

Di fatto, in ogni negozio di elettronica e tecnologia troviamo telefoni o qualche componente per questo, togliendo un po’ di spazio a quello dei PC.

Di Smartphone ne vengono prodotti tantissimi ogni anno, e ne vengono venduti altrettanto, per necessità o semplicemente per moda. In ogni caso, le code di notte fuori da un Apple Store per aspettare il nuovo prodotto sono abbastanza eloquenti.

Hanno modificato Internet

Con gli Smartphone ci sentiamo tutti più a contatto. Abbiamo Facebook, abbiamo Twitter, WhatsApp e quant’altro. Gli Smartphone hanno modificato il modo di interagire con Internet. Ha creato nuovi siti Web, ha modificato la grafica della maggior parte dei siti esistenti per fare in modo che si adatti al piccolo schermo di un cellulare. E i Social Network sono più popolati che mai, e la maggior parte dei Post pubblicati sono inviati da uno Smartphone.

In breve, grazie agli Smartphone i ragazzi sono più a contatto con il mondo. Se la cosa sia un bene o un male sta a voi deciderlo.

smartphone001

Hanno cambiato le nostre giornate

Nei momenti di noia, o di relax, gli Smartphone ci tengono compagnia con i loro giochi. Talvolta anche a scuola e al lavoro!

Gli Smartphone ci hanno reso più semplici le giornate. Abbiamo Internet a portata di mano, e possiamo cercare e fare ogni cosa che ci passa per la testa in ogni momento, grazie all’enorme quantità di app disponibili sullo Store. Hanno anche creato alcune mode, tra le più recenti ci sono i Selfie, una volta chiamati autoscatti – e ancora prima autoritratti.

Passare le giornate con l’aiuto dello Smartphone non è un male, anzi. Però lo diventa quando iniziano a presentarsi disturbi psicologici: la cosiddetta ‘Dipendenza da Smartphone’, che colpisce soprattutto i più giovani. In questo caso è meglio spegnere il telefono. Esiste anche la Nobofobia, ovvero la paura di rimanere senza telefono o senza copertura, addirittura portando ad un forte stato di ansia.

Hanno cambiato…

Gli Smartphone hanno cambiato parecchio, ma non tutto in negativo: ci sono anche note positive che probabilmente sono di più. Da qualche anno questa tecnologia è entrata prepotentemente nelle nostre vite e da allora non possiamo più farne a meno. Ma per tutte le cose c’è sempre un limite che non deve essere sforato, altrimenti si rischia di cadere in un precipizio da cui è difficile uscirne.

Spetta a voi quindi decidere se lo Smartphone ha migliorato o peggiorato le vostre giornate o delle persone che conoscete: scrivete la vostra storia nei commenti!

Li usiamo ovunque. Appena svegli, mentre ci incamminiamo per andare da qualche parte, sull’autobus, durante le attese, in bagno, mentre mangiamo. Sono sempre con noi e ci rimangono fedeli fino a quando non vengono sostituiti. Sto parlando degli Smartphone. Ad oggi praticamente tutti ne hanno uno, uno strumento nato con intenzioni produttive che piano piano è diventata la principale fonte di distrazione.

Piccoli o grandi, costosi o economici, lenti o veloci. Ce n’è per tutti.

In questo articolo cercherò di trattare di questo tema, che affrontiamo tutti i giorni, ma spesso non ce ne accorgiamo: gli Smartphone hanno cambiato le nostre vite in meglio?

Non posso rispondere con un secco si o no. Se per qualcuno è diventata quasi una dipendenza, altri possono benissimo vivere senza. Per questo ho deciso di raggruppare in categorie questo articolo, a voi le conclusioni.

Hanno cambiato le compagnie telefoniche

Ricordate gli SMS? Ne venivano inviati miliardi ogni giorno e le compagnie telefoniche ci guadagnavano con tariffe destinate a questi dati da 160 caratteri, guadagnandoci parecchio. Ma un bel giorno le cose sono cambiate. È arrivato WhatsApp e compagnia bella, che di recente ha fatto sapere su Twitter che ogni giorno vengono inviati circa 64 miliardi di messaggi. Ovviamente le compagnie telefoniche hanno iniziato a perderci, quindi dalla sponsorizzazione assoluta delle tariffe per SMS si è passati a pubblicizzare quelle per Internet su telefono.

Sia chiaro: avere Internet su telefono non è una cosa nuova, ma solo in questo periodo viene usata moltissimo.

Per l’utenza questo significa più messaggi e meno soldi da spendere, considerato che praticamente tutti hanno almeno un servizio di messaggistica istantanea. Non si risparmiano nemmeno le telefonate, nonostante non siano ancora pienamente sfruttate. La diffusione di Internet sugli Smartphone ha portato Skype ed altri servizi di VoIP, che permettono le chiamate gratis a tutti quelli che hanno quel servizio.

Hanno modificato il mercato

Il PC era il re incontrastato. L’utenza voleva usarlo, poteva fare quello che voleva. Andare appunto su Internet, lavorare, modificare i documenti e quant’altro. Gli Smartphone hanno però creato una sorta di crisi del mercato dei Computer, perché all’utente basta un telefono per fare tutto. Certo, lavorare a qualche documento con un telefono è dura, e su questo settore il PC detiene la corona.

Di fatto, in ogni negozio di elettronica e tecnologia troviamo telefoni o qualche componente per questo, togliendo un po’ di spazio a quello dei PC.

Di Smartphone ne vengono prodotti tantissimi ogni anno, e ne vengono venduti altrettanto, per necessità o semplicemente per moda. In ogni caso, le code di notte fuori da un Apple Store per aspettare il nuovo prodotto sono abbastanza eloquenti.

Hanno modificato Internet

Con gli Smartphone ci sentiamo tutti più a contatto. Abbiamo Facebook, abbiamo Twitter, WhatsApp e quant’altro. Gli Smartphone hanno modificato il modo di interagire con Internet. Ha creato nuovi siti Web, ha modificato la grafica della maggior parte dei siti esistenti per fare in modo che si adatti al piccolo schermo di un cellulare. E i Social Network sono più popolati che mai, e la maggior parte dei Post pubblicati sono inviati da uno Smartphone.

In breve, grazie agli Smartphone i ragazzi sono più a contatto con il mondo. Se la cosa sia un bene o un male sta a voi deciderlo.

smartphone001

Hanno cambiato le nostre giornate

Nei momenti di noia, o di relax, gli Smartphone ci tengono compagnia con i loro giochi. Talvolta anche a scuola e al lavoro!

Gli Smartphone ci hanno reso più semplici le giornate. Abbiamo Internet a portata di mano, e possiamo cercare e fare ogni cosa che ci passa per la testa in ogni momento, grazie all’enorme quantità di app disponibili sullo Store. Hanno anche creato alcune mode, tra le più recenti ci sono i Selfie, una volta chiamati autoscatti – e ancora prima autoritratti.

Passare le giornate con l’aiuto dello Smartphone non è un male, anzi. Però lo diventa quando iniziano a presentarsi disturbi psicologici: la cosiddetta ‘Dipendenza da Smartphone’, che colpisce soprattutto i più giovani. In questo caso è meglio spegnere il telefono. Esiste anche la Nobofobia, ovvero la paura di rimanere senza telefono o senza copertura, addirittura portando ad un forte stato di ansia.

Hanno cambiato…

Gli Smartphone hanno cambiato parecchio, ma non tutto in negativo: ci sono anche note positive che probabilmente sono di più. Da qualche anno questa tecnologia è entrata prepotentemente nelle nostre vite e da allora non possiamo più farne a meno. Ma per tutte le cose c’è sempre un limite che non deve essere sforato, altrimenti si rischia di cadere in un precipizio da cui è difficile uscirne.

Spetta a voi quindi decidere se lo Smartphone ha migliorato o peggiorato le vostre giornate o delle persone che conoscete: scrivete la vostra storia nei commenti!

Gli Smartphone hanno cambiato le nostre vite?

Danilo Civati

Danilo Civati

Nato a Genova, è appassionato di informatica, di cui svolge ancora gli studi, e fotografia. Fondatore del sito e scrittore principale di notizie e articoli, talvolta non manca lo spazio anche per scrivere qualche Software.

Potrebbero interessarti anche...