Ormai è da quasi un anno che Windows 8 è uscito sul mercato. Non si può dire che sia stato gradito dal pubblico, molte mancanze si sono fatte sentire, mentre alcune novità si sono fatte sentire un po’ troppo. Una zuppa che non è piaciuta all’utenza, tanto che alcuni lo chiamano il “nuovo Windows Vista”. Ma perché Windows 8 può venire considerato un Flop?

Proviamo a scoprirlo in questo articolo, dove cercheremo i punti fondamentali in cui dobbiamo giudicare questo sistema operativo.

[amazon template=iframe image&asin=B00FPFBCA2] [amazon template=iframe image&asin=B00H09BOXQ]

Non si poteva fare da subito?

Windows 8, Windows 8.1 e infine Windows 8.1 Update 1. Due grandi aggiornamenti che hanno cambiato di molto il sistema operativo. Ma andiamo per passi.

Windows 8 ha eliminato il menù Start, rendendola una grande schermata a mattonelle. Le applicazioni si avviano a schermo intero, per chiuderle bisogna trascinare con il Mouse dall’alto verso il basso e bisogna giocare col cursore per trovare anche le funzioni più basiliari. Le icone sulla schermata Start potevano essere spostate solo di una alla volta, lo Store era confusionario e Microsoft sembrava aver abbandonato totalmente gli utenti con Mouse e tastiera. Se poi qualcuno voleva usare solo l’interfaccia Metro (o Immersive, o Modern, chiamatela come volete), allora potevate fare “ciao-ciao” al multitasking. Due sole applicazioni divise a metà schermo? Impensabile per un Computer. Ancora più impensabile per chi è abituato a lavorare con decine di finestre, magari anche su più Monitor insieme! Inoltre il sistema si avviava solo da Metro, quindi bisognava fare un Click sulla mattonella del Desktop. Non che fosse una grande fatica, ma per alcuni era una cosa davvero insopportabile.

Poi arrivò Windows 8.1, che apparte far riapparire un misero tasto Start (che almeno evita di posizionare il cursore su un pixel nell’angolino), consente di mostrare da subito il Desktop e qualche altra miglioria per gli utenti che usano mouse e tastiera. Ma il più delle novità riguardavano l’interfaccia Metro: più mattonelle possono essere spostate insieme, lo Store è stato rivisto, finalmente è arrivata la calcolatrice versione Metro (indispensabile) e qualche altra cosa. Insomma, a parte l’integrazione con SkyDrive/OneDrive, il sistema era più o meno lo stesso.

Infine eccoci a Windows 8.1 Update 1 che, rullo di tamburi, migliora l’esperienza con mouse e tastiera. Le applicazioni Metro possono essere posizionate sulla barra delle applicazioni, hanno una barra del titolo (quindi basta premere una X, e non bisogna più trascinare la finestra) e vi è un menù contestuale per le mattonelle. Insomma, con questo aggiornamento viene resa ancora più inutile la nuova interfaccia.

Secondo alcune fonti, nel prossimo aggiornamento Metro verrà integrato nel menù Start e le applicazioni Immersive saranno in una finestra sul Desktop. Insomma, tutta una grande innovazione per poi tornare praticamente al punto di partenza.

Ma la vera domanda è: perché Microsoft non ha ascoltato i feedback degli utenti con le versioni in costruzione (che dovrebbero servire a quello scopo) ed evitare che Windows 8 guadagnasse una così cattiva reputazione? Guardando gli aggiornamenti si può notare come Microsoft stia facendo marcia indietro, tentando comunque di salvare l’interfaccia. Non va bene.

Come diavolo si spegne quest’affare?

Non mi è mai capitato di vedere in rete guide su come spegnere un computer. Windows 8 è riuscito a far questo e anche di più. Ha invogliato la comunità a creare programmi per disattivare Metro, riportare il menù Start, procedure per spegnerlo più velocemente e tanto, troppo altro.

In breve, questa è stata la reazione del pubblico. Una via di fuga per tornare ad una situazione normale, anche rinunciando alle nuove funzioni di Windows 8. Più o meno quanto avevamo già visto con Unity e Ubuntu. La nuova interfaccia non è piaciuta, non era reattiva e nemmeno stabile. Sono state create guide per tornare alla normalità, alcuni hanno cambiato distribuzione, altri si sono abituati. Se queste sono le reazioni del pubblico, allora si è decisamente sulla strada sbagliata.

Una buona idea realizzata malissimo

L’idea di Microsoft con Windows 8 è stata quella di portare un’unica interfaccia su tutti i suoi dispositivi e sistemi. Partendo da Windows Phone 7 (e in parte anche Windows Mobile 6.5), che ai più era piaciuta, si è passati alla stessa interfaccia a mattonelle anche su PC, Tablet e Xbox. Mentre in questi ultimi due l’interfaccia si può ancora salvare, sui PC è un disastro totale.

E’ un peccato. L’interfaccia snella e moderna di Microsoft è bella da vedersi, e l’idea di lasciare una firma su ogni dispositivo funziona. Ma perché creare una nuova interfaccia, e non cercare di migliorare quella già presente – che è rimasta praticamente invariata? Mistero.

Di quante applicazioni ho bisogno veramente?

Avete mai contato i doppioni delle figurine? Ecco, con Windows 8 succede la stessa cosa. Raccolta immagini Windows, app Foto; Internet Explorer Desktop, Internet Explorer Metro; Pannello di controllo, Impostazioni PC… e questi sono solo alcuni.

Tante applicazioni su Windows 8 sono una copia di sè stessa. Perché dovrei avere bisogno di due applicazioni che fanno la stessa cosa?

Allo stesso modo dobbiamo connetterci all’account Microsoft per usare parte delle funzioni nuove di Windows 8. Si abilita quindi l’App Mail, Calendario e Messaggi (se avete applicazioni che fanno le stesse cose vi arriveranno due notifiche insieme), OneDrive (che non si può togliere, quindi se avete DropBox o simili non vi servirà a niente) e tanto altro. Se scaricate Skype da Windows Store, non lo avrete nelle App Desktop, ma solo nella sua versione Metro, castrata in alcune funzioni e decisamente più scomoda da usare. Una gran bella novità per confonderci un po’ di più!

Per concludere…

Windows 8… un sistema operativo che ha portato con sé grandi novità, su tutti i fronti… ma non è stato apprezzato su PC. Questo perché nessuno vuole vedersi il proprio monitor trasformato in un enorme tablet, con funzionalità ridotte e bottoni giganti. E non tutti possono comprarsi un nuovo monitor multi touch per supportare le applicazioni di Windows 8. Attualmente Microsoft sta facendo marcia indietro su tantissime cose, quindi in un futuro Windows 9, forse, potremo vivere tranquilli come abbiamo sempre fatto. Di recente, Windows XP è pure dato per deceduto, quindi per rimanere aggiornati bisognerebbe passare ad un nuovo sistema. Windows 8 o Windows 7?

Voi siete soddisfatti di Windows 8? Condividete quanto ho scritto o la pensate in maniera differente? Sentitevi liberi di scrivere la vostra nei commenti!

 

 

Ormai è da quasi un anno che Windows 8 è uscito sul mercato. Non si può dire che sia stato gradito dal pubblico, molte mancanze si sono fatte sentire, mentre alcune novità si sono fatte sentire un po’ troppo. Una zuppa che non è piaciuta all’utenza, tanto che alcuni lo chiamano il “nuovo Windows Vista”. Ma perché Windows 8 può venire considerato un Flop?

Proviamo a scoprirlo in questo articolo, dove cercheremo i punti fondamentali in cui dobbiamo giudicare questo sistema operativo.

[amazon template=iframe image&asin=B00FPFBCA2] [amazon template=iframe image&asin=B00H09BOXQ]

Non si poteva fare da subito?

Windows 8, Windows 8.1 e infine Windows 8.1 Update 1. Due grandi aggiornamenti che hanno cambiato di molto il sistema operativo. Ma andiamo per passi.

Windows 8 ha eliminato il menù Start, rendendola una grande schermata a mattonelle. Le applicazioni si avviano a schermo intero, per chiuderle bisogna trascinare con il Mouse dall’alto verso il basso e bisogna giocare col cursore per trovare anche le funzioni più basiliari. Le icone sulla schermata Start potevano essere spostate solo di una alla volta, lo Store era confusionario e Microsoft sembrava aver abbandonato totalmente gli utenti con Mouse e tastiera. Se poi qualcuno voleva usare solo l’interfaccia Metro (o Immersive, o Modern, chiamatela come volete), allora potevate fare “ciao-ciao” al multitasking. Due sole applicazioni divise a metà schermo? Impensabile per un Computer. Ancora più impensabile per chi è abituato a lavorare con decine di finestre, magari anche su più Monitor insieme! Inoltre il sistema si avviava solo da Metro, quindi bisognava fare un Click sulla mattonella del Desktop. Non che fosse una grande fatica, ma per alcuni era una cosa davvero insopportabile.

Poi arrivò Windows 8.1, che apparte far riapparire un misero tasto Start (che almeno evita di posizionare il cursore su un pixel nell’angolino), consente di mostrare da subito il Desktop e qualche altra miglioria per gli utenti che usano mouse e tastiera. Ma il più delle novità riguardavano l’interfaccia Metro: più mattonelle possono essere spostate insieme, lo Store è stato rivisto, finalmente è arrivata la calcolatrice versione Metro (indispensabile) e qualche altra cosa. Insomma, a parte l’integrazione con SkyDrive/OneDrive, il sistema era più o meno lo stesso.

Infine eccoci a Windows 8.1 Update 1 che, rullo di tamburi, migliora l’esperienza con mouse e tastiera. Le applicazioni Metro possono essere posizionate sulla barra delle applicazioni, hanno una barra del titolo (quindi basta premere una X, e non bisogna più trascinare la finestra) e vi è un menù contestuale per le mattonelle. Insomma, con questo aggiornamento viene resa ancora più inutile la nuova interfaccia.

Secondo alcune fonti, nel prossimo aggiornamento Metro verrà integrato nel menù Start e le applicazioni Immersive saranno in una finestra sul Desktop. Insomma, tutta una grande innovazione per poi tornare praticamente al punto di partenza.

Ma la vera domanda è: perché Microsoft non ha ascoltato i feedback degli utenti con le versioni in costruzione (che dovrebbero servire a quello scopo) ed evitare che Windows 8 guadagnasse una così cattiva reputazione? Guardando gli aggiornamenti si può notare come Microsoft stia facendo marcia indietro, tentando comunque di salvare l’interfaccia. Non va bene.

Come diavolo si spegne quest’affare?

Non mi è mai capitato di vedere in rete guide su come spegnere un computer. Windows 8 è riuscito a far questo e anche di più. Ha invogliato la comunità a creare programmi per disattivare Metro, riportare il menù Start, procedure per spegnerlo più velocemente e tanto, troppo altro.

In breve, questa è stata la reazione del pubblico. Una via di fuga per tornare ad una situazione normale, anche rinunciando alle nuove funzioni di Windows 8. Più o meno quanto avevamo già visto con Unity e Ubuntu. La nuova interfaccia non è piaciuta, non era reattiva e nemmeno stabile. Sono state create guide per tornare alla normalità, alcuni hanno cambiato distribuzione, altri si sono abituati. Se queste sono le reazioni del pubblico, allora si è decisamente sulla strada sbagliata.

Una buona idea realizzata malissimo

L’idea di Microsoft con Windows 8 è stata quella di portare un’unica interfaccia su tutti i suoi dispositivi e sistemi. Partendo da Windows Phone 7 (e in parte anche Windows Mobile 6.5), che ai più era piaciuta, si è passati alla stessa interfaccia a mattonelle anche su PC, Tablet e Xbox. Mentre in questi ultimi due l’interfaccia si può ancora salvare, sui PC è un disastro totale.

E’ un peccato. L’interfaccia snella e moderna di Microsoft è bella da vedersi, e l’idea di lasciare una firma su ogni dispositivo funziona. Ma perché creare una nuova interfaccia, e non cercare di migliorare quella già presente – che è rimasta praticamente invariata? Mistero.

Di quante applicazioni ho bisogno veramente?

Avete mai contato i doppioni delle figurine? Ecco, con Windows 8 succede la stessa cosa. Raccolta immagini Windows, app Foto; Internet Explorer Desktop, Internet Explorer Metro; Pannello di controllo, Impostazioni PC… e questi sono solo alcuni.

Tante applicazioni su Windows 8 sono una copia di sè stessa. Perché dovrei avere bisogno di due applicazioni che fanno la stessa cosa?

Allo stesso modo dobbiamo connetterci all’account Microsoft per usare parte delle funzioni nuove di Windows 8. Si abilita quindi l’App Mail, Calendario e Messaggi (se avete applicazioni che fanno le stesse cose vi arriveranno due notifiche insieme), OneDrive (che non si può togliere, quindi se avete DropBox o simili non vi servirà a niente) e tanto altro. Se scaricate Skype da Windows Store, non lo avrete nelle App Desktop, ma solo nella sua versione Metro, castrata in alcune funzioni e decisamente più scomoda da usare. Una gran bella novità per confonderci un po’ di più!

Per concludere…

Windows 8… un sistema operativo che ha portato con sé grandi novità, su tutti i fronti… ma non è stato apprezzato su PC. Questo perché nessuno vuole vedersi il proprio monitor trasformato in un enorme tablet, con funzionalità ridotte e bottoni giganti. E non tutti possono comprarsi un nuovo monitor multi touch per supportare le applicazioni di Windows 8. Attualmente Microsoft sta facendo marcia indietro su tantissime cose, quindi in un futuro Windows 9, forse, potremo vivere tranquilli come abbiamo sempre fatto. Di recente, Windows XP è pure dato per deceduto, quindi per rimanere aggiornati bisognerebbe passare ad un nuovo sistema. Windows 8 o Windows 7?

Voi siete soddisfatti di Windows 8? Condividete quanto ho scritto o la pensate in maniera differente? Sentitevi liberi di scrivere la vostra nei commenti!

 

 

Windows 8 è un flop?

Danilo Civati

Danilo Civati

Nato a Genova, è appassionato di informatica, di cui svolge ancora gli studi, e fotografia. Fondatore del sito e scrittore principale di notizie e articoli, talvolta non manca lo spazio anche per scrivere qualche Software.

Potrebbero interessarti anche...