Non è sicuramente la prima volta che Google sfoggia le sue, quasi fantascientifiche, reti neurali.
Che siano usate per indovinare cosa state disegnando (tramite un simpatico giochino Online) o per tramutare in emoji le vostre espressioni, le reti neurali made by Google non si smentiscono mai e sono nuovamente pronte a stupirci, questa volta, grazie ad un software capace di “creare” una versione più risoluta di qualsiasi immagine, partendo da una sua versione a risoluzione 8×8 pixel, praticamente un francobollo!

Google Ricostruisce Immagine

 

Come mostrato dalle foto, vi è dell’incredibile ma è giusto precisare che i risultati, non sono ricostruzioni fedeli in tutto e per tutto all’originale, bensì, la migliore ricostruzione che l’algoritmo può generare al momento.

Per fare ciò, vengono impiegate due reti neurali, la prima, guardando immagini simili ma più risolute, crea uno scheletro, mentre la seconda è addetta a cercare particolari da immagini simili e adattarli al contesto, l’unione di questi due algoritmi genera il risultato finale.

Non è sicuramente la prima volta che Google sfoggia le sue, quasi fantascientifiche, reti neurali.
Che siano usate per indovinare cosa state disegnando (tramite un simpatico giochino Online) o per tramutare in emoji le vostre espressioni, le reti neurali made by Google non si smentiscono mai e sono nuovamente pronte a stupirci, questa volta, grazie ad un software capace di “creare” una versione più risoluta di qualsiasi immagine, partendo da una sua versione a risoluzione 8×8 pixel, praticamente un francobollo!

Google Ricostruisce Immagine

 

Come mostrato dalle foto, vi è dell’incredibile ma è giusto precisare che i risultati, non sono ricostruzioni fedeli in tutto e per tutto all’originale, bensì, la migliore ricostruzione che l’algoritmo può generare al momento.

Per fare ciò, vengono impiegate due reti neurali, la prima, guardando immagini simili ma più risolute, crea uno scheletro, mentre la seconda è addetta a cercare particolari da immagini simili e adattarli al contesto, l’unione di questi due algoritmi genera il risultato finale.

Ricostruire una foto di pochi pixel? Con Google è possibile!

Alessio Giacobbe

Alessio Giacobbe

L'unico componente di D-25 ad occuparsi dei dispositivi Windows Phone. Collabora per mantenere attivo il sito e sviluppa alcuni Software. Si interessa del mondo Smartphone.

Potrebbero interessarti anche...